Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2008

torrita tiberina

Immagine
Non potevamo dimenticarci del piccolo comune di Torrita Tiberina, in provincia di Roma: piccolo, colorato, rilassante, un po' freddo di sera (in questo periodo), simpatico e accogliente. Dal sito istituzionale del comune riportiamo che "il nome Turritula appare la prima volta nel 747, nella donazione un terreno fatta da Carlomanno al monastero di S. Andrea in Flumine. Ma la storia del paese, nel medievo, è legata, oltre che ai Benedettini, anche alla famiglia Savelli che nel 1285 figura proprietaria di una parte di Torrita ed è probabilmente sotto la loro signoria che viene realizzato il castello, il cui primo nucleo risale al XII secolo".
Arrivarci non è difficile, almeno in auto e specialmente se si ha un navigatore con i comandi vocali: si inserisce il tragitto "roma", "Roma", "ROOma"- "torrita", "toORRita", "TOOORRita Tiberina" e lui, senza pensarci troppo sopra vi calcolerà il miglior tragitto, anche turisti…

V2 Day - 25 aprile 2008

Immagine
Liberiamo l'informazione: non si può decidere senza sapere! Non si può essere sicuri di una scelta se non si sa, se non si conosce. L'informazione nel nostro paese può crescere come la nostra partecipazione, dobbiamo esserci adesso però, dobbiamo comprendere che la libertà di scegliere e di decidere è irrinunciabile se non vogliamo "farci vivere".
Domani, nel giorno della "Liberazione", è organizzato il V2-Day e sarà un'occasione per una grande raccolta di firme diretta a chiedere tre referendum:
abolizione dell'ordine dei giornalisti;abolizione del finanziamento pubblico all'editoriaabolizione della legge gasparri.Forse sfugge, e forse possiamo essere in disaccordo anche con Grillo, in molte considerazioni almeno, ma vi assicuro che questi referendum sono una premessa irrinunciabile per ricominciare a discutere di libertà, di partecipazione e di libero arbitrio nelle scelte di ciascuno. Se si modificano le "verità", si modificano le sc…

momenti no..

Immagine
Ci sono momenti brutti che arrivano senza che te ne accorgi,
che ti restano dentro e ti fanno passare giorni no,
nervosi, ansiosi, agitati e fermi, non saprei..
Ti tengono nascosto mentre immagini una voce che ti chiama,
ma che spesso non arriva, proprio quando ne avresti bisogno.
Questi, e sfortunatamente non solo questi, sono momenti no,
sono momenti in bianco e nero in cui perdi i colori della semplicità,
di una serenità che non c'è e che, magari proprio per questo,
ti mostra quanto vale.

buon compleanno Tit!

Immaginavo di poter rivoluzionare un po' i soliti messaggi, con un po' di fantasia, di voglia di rinnovarci per gioco e sorridere. Ti scrivo e ti scriviamo perciò da qui i nostri auguri: per poter cambiare, quando lo vuoi, per poter conquistare davvero quello che già hai, quello che ancora cerchi, per iniziare un anno in più sapendolo apprezzare come merita e, soprattutto, come tu meriti.. Buon compleanno.
Poi..
Tanti auguri "cipollina" [da Simone]E' bello averti fra noi,
Mille di questi giorni!
Tanti auguri! [Cris e Rosa.]Cara Titti buon compleanno
che tu possa innamorarti profondamente e per sempre...di te stessa
bacio [Ale]Tutto il resto sarà nei commenti e, come dici tu, "grazie per l'attenzione"..

kyashan - la rinascita

Immagine
Kyashan (Casshern) la rinascita è un film di fantascienza del 2004 diretto da Kazuaki Kiriya. Giunto in Italia soltanto nel luglio 2006. Questo film, a mio avviso, può inserirsi nel filone, più generale, di film distopici. Per "distopia", o "utopia negativa", si intende l'avverarsi di una società indesiderabile, non utopica, sotto tutti i punti di vista; ricordiamo che "1984" di Orwell è definito, per eccellenza, il romanzo dell'utopia negativa.
Questo film è basato su un cartoon, anime e "manga" (fumetto), del 1973 considerato uno dei capolavori dell'animazione nipponica, una sorta di telefilm in cui "si intrecciano fantascienza, azione, sentimenti, richiami al sociale, ai personaggi ed ai grandi orrori delle dittature nazi-fasciste. Un'opera che esce dai confini convenzionali, rivelandosi una vera e propria pietra miliare" [Wikipedia]. Il film, pur discontandosi in diversi tratti dalla storia del cartoon originale n…

equ - "liquido"

Immagine
Su segnalazione di Simone, pubblico l'invito per il concerto del 17/04 a Roma degli EQU, occasione in cui presenteranno il loro nuovo album di cui potete leggere di seguito una brevissima presentazione. Eventuali informazioni aggiuntive possono essere inserite nei commenti, ciao.
-------------
Esce il 14 aprile, prodotto dalla neonata “Style Libero” e distribuito dalla prestigiosa Egea, “LIQUIDO”, il secondo album degli EQU che vede la band forlivese cimentarsi con un progetto di “concept-album”.
Il CD verrà presentato in una prima fase di concerti “live” promozionali, curati da “ANTISTAR” che, partendo dal “Blue Note” di Milano (il 15/4), li porterà ad esibirsi al “Lian Club” di Roma ( il 17/4 ); al “Madamadorè” di Forlì (il 30/4); Il giorno all’”Arci Taun” di Fidenza (il 3/5); al “Madigan’s” di Cesenatico (il 10/5); al “Sugar prima Reef” dell’isola d’Elba (24/5), prima di effettuare due date nella lontana Shangai, nell’ambito di un progetto culturale del nostro ministero degli est…

tre referendum

Il V2-DAY ritorna il prossimo 25 aprile, e ritorna nelle piazze a proporci tre referendum per l'abrogazione: dell'ordine dei giornalisti, del finanziamento pubblico ai giornali, della legge Gasparri.
Girare intorno a questi argomenti sarebbe troppo lungo e qui non c'è tempo ma l'informazione è la molla per il consenso, è il mezzo che pilota i ragionamenti, il giusto e lo sbagliato. Se l'informazione non è libera il ragionamento non è libero, le scelte stesse di ciascuno non possono esserlo..
Concludo con un invito, un invito ad esserci o almeno a pensarci un po' sopra, e una aforisma, forse il più conosciuto, di George Orwell:
"Chi controlla il passato, controlla il futuro: chi controlla il presente, controlla il passato".
Un giornalista che parla con la voce e i pensieri dei suoi "padroni-datori di lavoro" è solo un venduto, un mercenario, un creatore di consensi su commissione. Fortuna non ce ne siano di giornalisti così.. o no?
Buon lunedì.