le medicine di Pal


Forse qualcuno di noi conosce Pal. Lui non è potuto venire ad incontrarci ma ci ha aspettato al solito posto, fermo, riscaldato da una coperta e un cartone, da una parola e una busta. Le parole non erano semplici da comprendere, come la vita, le contraddizioni e la paura che, comunque vada, non sapremo mai difenderci.
Pal era lì, un sorriso non l'ha fatto subito perché aveva i suoi pensieri, doveva pensare a cosa fare domani, e il giorno dopo, e il giorno dopo ancora, per tirare avanti. Però aveva una busta con delle medicine, una busta che teneva vicino per quello che poteva servirgli: le medicine servono per stare bene, per stare meglio quando sembra avvicinarsi il dolore, per curarsi, se ce ne fosse bisogno, da tutte le sofferenze.
Vorrei chiedervi quali sono quelle medicine perché io non riesco a trovarle, vorrei chiedere a Pal come fa a conservarle vicine senza usarle tutte, senza cercare un riparo anche in quelle ma solo una speranza nel tenerle accanto. La stessa speranza che ci spinge a pensare di fare qualcosa in un mondo che resta fermo e non cambia mai direzione, tra persone che aspettano e altre che si affacciano, per quello che possono, come una goccia che scende su un vetro crescendo con tutte quelle che incontra..
I nostri mondi hanno più colori, come i tanti colori delle auto che passano, di quelle di lusso che hanno i posti pronti per accompagnare chi ha il diritto esclusivo di usarle, di quelle che ci passano davanti con i vetri alti e scuri, nascondendo gli occhi di chi guarda, un vetro che annebbia, che distorce e crea un mondo irreale da guardare, un mondo fatto di diritti e di leggi, di economie e interessi, di teorie e dottrine, di finte libertà e democrazie. Quel mondo, fuori da quei vetri scuri, non c'è, quel mondo è un mondo riservato, un mondo che sta male da sempre e non riesce a trovare una cura, una medicina. Chissà che le medicine di Pal non possano aiutarci a far abbassare quei finestrini, a farci rivedere le stesse cose con i colori più veri. Se quelle medicine possono fare qualcosa chiediamole ancora a Pal e usiamole, usiamole subito..

"...
E impari che nonostante le tue difese,
nonostante il tuo volere o il tuo destino,
in ogni gabbiano che vola c'e' nel cuore un piccolo-grande
Jonathan Livingston.
E impari quanto sia bella e grandiosa la semplicità."
[da E crescendo impari - anonimo]

Commenti

francy ha detto…
Ci sarebbero tante cose da dire e ancora di più da ascoltare.. vorrei anch'io che ritrovassimo quelle medicine.
ale ha detto…
ognuno di noi a suo modo è malato...e ciascuno ha bisogno di una medicina specifica. l'unica cura però definitiva, davvero definitiva, è l'amore.l'amore arriva, anche quando non è bene accolto o peggio respinto. se si vive con amore, se guardiamo al mondo e alle persone con autentico rispetto e sentimento di genuina apertura,facciamo un favore a noi stessi e a tutti gli altri. tante, troppe cose sembrano non avere rimedio; non cerchiamo soluzioni a lungo termine, viviamo con il cuore.questo arriverà a tutti quelli che incontreremo sulla nostra strada. ne approfitto per chiederti scusa per sabato sera, ero un "po'" nervosa, e certo in quel momento non ero aperta come dico di voler essere...ma l'importante è capirlo. grazie per il film ottimista! alessandra
marco (mguarra) ha detto…
L'amore arriva sempre è vero, anche quando lo respingi. Magari capita di difenderci dagli altri e tendiamo a chiuderci un po', a non accettare gli altri per non ferire noi stessi o per paura di avere dubbi.
Forse tu Ale hai ragione, tutti siamo un po' malati, e magari anche essere troppo sani, convinti delle cose giuste, peggio ancora se manca alla base un confronto con gli altri, è gia una malattia. In fondo senza le malattie, senza la ricerca di quel qualcosa per andare avanti ..rischieremmo di fermarci.

Post popolari in questo blog

quest'amore..

stasera ho sonno..

cineforum