Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2008

Giorgio Gaber - Non insegnate ai bambini

Se avete tempo di ascoltarla.. Buon lunedì.

padre pizarro

Un ironico Guzzanti sintetizza, da "destra a sinistra", le nostre "democrazie" insieme ad alcuni concetti di comunicazione e utilizzo del consenso. E lo fa in modo molto più puntuale e reale di quanto voglia apparire..

niente paura

Immagine
A volte si scivola, a volte si corre, a volte si fatica a salire. Si va comunque avanti, anche quando vorremmo fermarci, anche quando il tempo sembra più un avversario che non un compagno..

Niente Paura (L. Ligabue)
A parte che gli anni passano per non ripassare più
e il cielo promette di tutto ma resta nascosto là dietro al suo blu
ed anche le donne passano qualcuna anche per di qua
qualcuna ci ha messo un minuto
qualcuna è partita ma non se ne và
Niente paura, niente paura
Niente paura ci pensa la vita mi han detto così...
Niente paura, niente paura
niente paura si vede la luna perfino da qui.
A parte che ho ancora il vomito per quello che riescono a dire
Non sò se son peggio le balle oppure le faccie che riescono a fare.
A parte che i sogni passano se uno li fa passare
alcuni li hai sempre difesi altri li hai dovuto vederli finire
Niente paura, nien…

il nuovo anno..

Immagine
Un anno nuovo è sempre ricco di premesse, è un cambiamento simbolico forse ma in qualche modo desiderato. Gli arcobaleni sono sempre affascinanti, ne ho visti di "doppi" in una sola occasione e qualcuno forse se lo ricorda. Il mio sogno, mai da solo, è sempre lì, seduto sopra quegli arcobaleni, ho la speranza di raggiungerlo che ogni giorno cresce e forse l'aereo non servirà nemmeno.. L'augurio è di avvicinarci tutti ai nostri sogni, magari ritrovandoci un po' più uniti e insieme..
Stavo leggendo questa poesia di Rodari e ve la lascio come augurio per ripensare a tante cose.

"Il cielo è di tutti"
Qualcuno che la sa lunga
mi spieghi questo mistero:
il cielo è di tutti gli occhi
di ogni occhio è il cielo intero.
E' mio, quando lo guardo.
E' del vecchio, del bambino,
del re, dell'ortolano,
del poeta, dello spazzino.